AIS Associazione Impianti Sportivi
organizziamo e coordiniamo attività di promozione, diffusione, agevolazione per la realizzazione di Imapianti Sportivi Sostenibili Energeticamente, Economicamente e Socialmente
Scopri di più

Il Paddle conquista anche l’Italia

Posted On venerdì 9 giugno 2017

Il divertente gioco e sport che reinterpreta il classico tennis

Arriva dalla Spagna il divertente gioco e sport che reinterpreta il classico tennis. I tesserati in Italia sono oltre un migliaio e in continua crescita.


Si pratica su campi divisi in due da una rete come nel tennis, sport dal quale il paddle tennis deriva: a differenza di quest'ultimo però vengono utilizzate delle racchette più piccole e a piatto pieno con forellini, ossia non incordato. Il campo è largo 10 metri e lungo 20, più piccolo di quello del tennis ma sempre con la rete al centro (alta tra 88 e 92 centimetri). L’aspetto caratteristico resta quello delle pareti di vetro o plexiglass, posizionate in fondo a ciascuna delle due metà campo, come due U una di fronte all’altra. Fanno parte della superficie di gioco ma il colpo è valido solo se la pallina ha prima toccato terra. È un elemento che rende gli scambi più lunghi e divertenti, soprattutto se si è acquisita un po’ di pratica: la palla torna indietro e la si può rigiocare dopo la sponda.

Il divertente gioco e sport che reinterpreta il classico tennis

In Spagna il Paddle è davvero uno sport di massa, con oltre 6.500 campi e più di 600 mila praticanti. Ma si gioca molto anche in Brasile, Cile, Uruguay e negli Stati Uniti. È uno sport che sta prendendo piede anche in Italia e che piace molto anche alle donne.

Il divertente gioco e sport che reinterpreta il classico tennis

Campo di PADDLE, realizzato con il supporto AIS Associazione Impianti Sportivi presso il centro Milago Tennis Academy di Buccinasco – MI

Grazie alle sue dimensioni i campi di Paddle non richiedono l’utilizzo di grandi superfici e non sono ingombranti, ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche del PADDLE.


Il divertente gioco e sport che reinterpreta il classico tennis


La struttura è realizzata da un recinto con sedime di gioco 10x20 m, omologato dalla Federazione Italiana Tennis (FIT), con struttura caratterizzata dalla semplicità di montaggio, dalla tenuta e dalla stabilità della struttura stessa, dalla qualità dei materiali e dalle finiture curate che rendono l’estetica un valore aggiunto al prodotto finale.
La struttura metallica - zincata a caldo, verniciata successivamente a polvere termoindurente con resine poliestere (spessore minimo 80 micron) - è realizzata con profili metallici portanti in scatolato 60x120x3 mm, telai autoportanti formati da profili orizzontali in scatolato 40x20x2 con angolari verticali asolati e pannellature in rete elettrosaldata maglia 50x50 mm filo 4+4 mm (nominale).
Alla struttura viene aggiunta la superficie trasparente in vetro temperato antiurto da 10/12 mm (secondo norme UNI-EN 12150), fissata sulla struttura verticale tramite flange asolate e viti in acciaio zincato.
Tutta la struttura è a norme CEE e dimensionata per sopportare l’azione del vento come da normativa vigente (NTC 2008), progettata e prodotta in Italia. Il fondo di gioco è in erba sintetica da 15mm intasata con sabbia di silice resistente ai raggi UV realizzata secondo le norme accettate dalla Commissione Tecnica Federale.

Il divertente gioco e sport che reinterpreta il classico tennis

E’ inclusa, a richiesta, la fornitura di rete da gioco con paletti, la fornitura dell’impianto di illuminazione realizzata con proiettori a tecnologia LED di ultima generazione o con tecnologia a lampada agli ioduri metallici, entrambe le versioni montate su 4 pali in scatolato 60x120x3 mm, di 6 m di altezza.



Via libera al Fondo Investimenti, in arrivo 47 miliardi in 15 anni

Posted On mercoledì 31 maggio 2017

Il Governo ha stabilito l'arrivo di 47 miliardi in 15 anni

Il Governo ha stabilito l'arrivo di 47 miliardi di euro, per diverse linee di intervento, in 15 anni, con la firma del dpcm che ripartisce le risorse del Fondo Investimenti  in particolare sulle risorse infrastrutturali.

"Con la firma di oggi diamo simbolicamente avvio a un grande piano di investimenti pubblici in infrastrutture e opere per il nostro paese", ha comunicato Gentiloni.  "Le grandi opere infrastrutturali, di questi 47 miliardi oltre 20 sono destinati a strade, ferrovie - con particolare attenzione ai collegamenti e ai trasporti locali - e ai nostri porti".  

Ulteriori 5 miliardi saranno destinati agli investimenti Anas per la realizzazione e manutenzione delle reti stradali.

"Poi il settore più rilevante è quello della messa in sicurezza con un'attenzione particolare alle scuole ma che riguarda diversi uffici pubblici per un totale di 8 miliardi. Siamo famosi nel mondo per le nostre infrastrutture e dobbiamo guardare anche in casa nostra sapendo che abbiamo gia' delle eccellenze", ha proseguito Gentiloni convinto che "uno Stato che investe sul proprio territorio avvicina la vita della comunita' al frutto del proprio lavoro".

Infine, ci saranno fondi per le infrastrutture portuali e il Mose. Investimenti per il sostegno della competitivita' e delle esportazioni (1,7 mld): informatizzazione giustizia; potenziamento del credito all'esportazione. Infrastrutture per il miglioramento della qualita' della vita (1,7 mld + 0,8 per riqualificazione periferie con separato Dpcm): rete idrica; risanamento ambiente e difesa suolo; strutture sportive; barriere architettoniche; edilizia sanitaria; musei; edilizia residenziale pubblica.

Sono stati inoltre stanziati 2 miliardi per la ricerca spaziale e la ricerca scientifica, tecnologica e sanitaria e 12,8 miliardi per i programmi ad alta tecnologia del ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero della Difesa e gli investimenti della Difesa. 


Convegno “PRESTAZIONI ENERGETICHE Sistemi di certificazione e normative”

Posted On venerdì 12 maggio 2017

Convegno a Venezia organizzato da Infoprogetto

Lo scorso 9 maggio, a Venezia, si è tenuto il convegno di Infoprogetto nel corso del quale,  AIS Associazione Impianti Sportivi ha organizzato una Tavola rotonda scientifica.

Nel corso del workshop il Presidente AIS, Ezio Ferrari, ha presentato l’associazione, ha parlato della rete d’impresa GASGruppo Architettura Sostenibile, ha inoltre presentato UNASS, l’Unione voluta dalle Associazioni di Categoria che guidano lo sviluppo del settore sportivo, di cui AIS è tra i soci fondatori. Al termine è intervenuto il dott. Marco Mallalmo di Aura Energy E.S.CO, partner AIS, con il tema “Risparmiare si può.  Un progetto integrato di efficientamento energetico”.



Come sempre, hanno partecipato al convegno un buon numero di architetti e ingegneri.

Il prossimo workshop Infoprogetto – AIS si terrà il 6 Luglio a Lecco



UNASS: COESIONE PER LA CRESCITA DEL COMPARTO SPORTIVO NAZIONALE

Posted On giovedì 9 febbraio 2017

UNASS esordisce ufficialmente a Bologna il 17 febbraio

Dall'accordo storico fra realtà ed associazioni di categoria più rappresentative dello sport nazionale, grandi obiettivi di carattere legislativo, istituzionale e sistemico


A distanza di quattro mesi dal varo di questa Unione, che, per la prima volta nella storia dello sport Nazionale, accorpa Associazioni di diverse Categorie, ognuna espressione di precisi profili operativi e professionali del mondo sportivo, UNASS esordisce ufficialmente a Bologna, nel corso del prestigioso congresso di management sportivo Forum Club/Piscine, che si terrà dal 16 al 18 febbraio presso il Palazzo dei Congressi adiancente ai padiglioni della Fiera di Bologna.

Nella circostanza, la sessione riservata ad UNASS, che si svolge dalle 10.00 alle 11.00 di venerdì 17 febbraio, presso la sala A, padiglione 19 Fiera, prevede una conferenza stampa, aperta a tutte le testate giornalistiche, a media e agli operatori di settore; a seguire, una seconda parte con interventi di alcuni illustri rappresentanti delle Associazioni aderenti al progetto UNASS, che dettaglieranno le azioni già avviate dall'Unione, con un focus specifico sui tavoli tecnici e gli obiettivi perseguiti da ogni gruppo di lavoro specializzato, appositamente voluto dai componenti di UNASS.

Alla base di questo arioso e alto progetto, volto a superare particolarismi e interessi di pochi per promuovere i bisogni e le istanze di tutti gli attori del settore sport, la volontà di chi in Italia ha a cuore il fare concreto, con la consapevolezza che convergendo in un unIco organismo, ogni Categoria possa ottenere il massimo, rivolgendosi all'unisono alle Istituzioni, al mondo della Finanza e agli Organi di controllo e soprattutto al Legislatore, per assicurare ad ogni persona che crede in tale ambito, l'evoluzione e gli sviluppi finalizzati alla crescita del sistema sport, vero elmento distintivo di una Nazione, sovente penalizzata da un Sistema Paese non sempre vincente.

I beneficiari finali di questa catena di relazioni, intende essere il cittadino: in partcolare la sua migliorata qualità di vita, senza mai perdere di vista il ruolo sociale ed educativo dello sport.

Nel corso della conferenza stampa, interverranno, il Dott Francesco Confalonieri, medico sportivo con un vissuto importante come imprenditore e gestore, nonchè sensibile alle esigenze degli oltre 450.000 collaboratori che operano nei settori piscine, fitness e wellness; Giancarlo De Cristofaro, espressione della progettualità evoluta e della capacità di realizzare impianti sportivi secondo parametri di alta qualità e di comprovata sostenibilità; Claudio Beati, voce autorevole dell'industria e dei fornitori in ambito sportivo, che rappresentano il vero motore che oggi alimenta processi che assicurano vitalità ad un  comparto fondamentale per il nostro Paese. E' annunciata anche la presenza di Consorzio Spin, con Francesco Maria Perrotta o di un suo delegato, che con il Consorzio coordina e unisce i maggiori Enti di Promozione Sportiva, uniti anche dal ruolo determinante di chi interpreta correttamente le necessità finanziarie relative all'impiantistica sportiva. In sintesi, uno spaccato del mondo sportivo, ben completato dalle altre categorie rappresentate dalle Associazioni. Fra gli obiettivi caldissimi perseguiti e cui lavorano i tavoli tecnici: la nuova legge quadro dello sport dilettantistico, oggi legge Sbrollini,  il nuovo codice degli appalti e il dialogo con l'ANAC, sotto il coordinamento dell'Avv Lorenzo Bolognini, la concertazione su norme igienico-sanitarie avviata fra costruttori qualificati e ISS nonchè Ministero della Salute, oltre ad altri ambiziosi traguardi, fra cui quello di sostenere il sistema nazionale per la promozione della cultura del movimento e di una vita sportivamente attiva, al fine di assicurare a tutti cittadini prevenzione e salute, alleggerendo i costi ormai insostenibili del Welfare italiano.

Per coloro che avessero piacere di seguire la Conferenza Stampa e gli approfondimenti successivi, è gradita la conferma di presenza a redazione@euroaquatic.it

Queste le realtà promotrici e firmatarie l'Atto d'Intesa che ha dato vita ad UNASS





Green Building Expo Serbia 2016

Posted On mercoledì 9 novembre 2016

AIS Associazione Impianti Sportivi

Si è conclusa a Belgrado, lo scorso 4 novembre 2016,  'Green Building Expo and Conference' 2016, la più ampia rassegna internazionale di aziende impegnate nel promuovere tecnologie, servizi e prodotti sostenibili applicati al settore dell'edilizia.

AIS ha partecipato all'evento insieme ad alcuni  Associati: Energo, Officine D'Amico, Aura Energy, Niteko, Arcomproject, DEA Security e Studio d'Architettura Il Compasso.

AIS Associazione Impianti Sportivi

AIS Associazione Impianti Sportivi

AIS Associazione Impianti Sportivi

AIS Associazione Impianti Sportivi

AIS Associazione Impianti Sportivi

AIS Associazione Impianti Sportivi

AIS Associazione Impianti Sportivi

AIS Associazione Impianti Sportivi



Unione Nazionale delle Associazioni del Settore Sportivo

Posted On domenica 30 ottobre 2016




Siamo lieti di annunciare che è stata fondata “L'UNIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEL SETTORE SPORTIVO”Un accordo storico fra realtà ed associazioni di categoria più rappresentative per una coesione finalizzata al miglioramento di un settore fondamentale per l'Italia: lo Sport


Lo scorso 22 settembre, con un'appendice a distanza perfezionatasi ai primi d'ottobre, le Associazioni di Categoria e Realtà più rappresentative del settore sportivo, hanno sottoscritto un Atto d'Intesa volto a formalizzare la coesione fra gli organi che meglio rappresentano l'Italia dello Sport e che è stata denominata Unione Nazionale delle Associazioni di Categoria del Settore Sportivo (U.N.A.S.S.) ; tale fondamentale primo passo non coinvolge organismi pubblici e Istituzioni, che saranno gli interlocutori principali cui UNASS si rivolgerà, riportando istanze e proposte per assicurare un grande futuro a tutte le categorie ed operatori del sistema sportivo nazionale. I firmatari e fondatori di UNASS sono quelli riportati in calce.
Consapevoli che singolarmente ogni Associazione non potrebbe incidere a livello istituzionale, mediatico e in termini di rappresentanza allargata, le parti promotrici di tale iniziativa di altissimo valore, hanno inteso dare vita ad un' aggregazione che conti su numeri e categorie decisive per il settore sport tutto:  società sportive, società di gestione d'impianti, club e centri sportivi, costruttori, aziende produttrici, industria, categorie professionali, operatori, enti di promozione e altre entità , ognuna convergente in UNASS.
Un' unione che compatta tutte le categorie e gli attori dell'ambiente sportivo, con una formula estremamente flessibile, la quale, oltre a dare pari dignità ad ogni parte coinvolta,  preserva autonomia ed identità di ciascuna realtà attiva in questo progetto, con possibilità d'ingresso di altre componenti, purchè significativamente rappresentative, credibili ed eticamente inappuntabili.
UNASS mantiene, anche nella sua figura di rappresentanza, la massima orizzontalità, con figure che si alternano secondo la missione e gli obiettivi da perseguire per il bene collettivo e dell'ambiente cui appartiene e che è un ganglio vitale per il sistema Paese; una figura di coordinamento agevola le intese fra le Parti.
Fra i primi obiettivi, per i quali sono stati costituiti tavoli tecnici, coordinati da esperti che accelerino passaggi per poter interagire negli ambiti istituzionali o in altri contesti, è stato avviato, sotto la guida dell'avvocato Lorenzo Bolognini, sostenuto da alcuni promotori di UNASS in merito al codice degli appalti e ai decreti attuativi, con osservazioni presentate all'ANAC: con tale prima azione coordinata si confida che il sistema sportivo non venga affossato da appalti che sono poco considerabili e forieri di troppi rischi, allorchè si parla di partenariato pubblico-privato;
Altro grande obiettivo che vede coesione piena e trasversalissima è la Legge quadro sullo Sport Dilettantistico, oggi nelle mani dell'On. Daniela Sbrollini: la deputata è sostenuta nel suo impegnativo compito avviato in Parlamento, da UNASS, sotto il coordinamento di ANIF, nelle persone del presidente Giampaolo Duregon, avvocato Alberto Succi e direttore generale Gianfranco Mazzia. Infatti oltre al formale appoggio di tutta UNASS e la Legge ha raccolto anche il sostegno delle singole associazioni di categoria che hanno ognuna sottoscritto una lettera in cui si conferma l'approvazione e condivisione del portato della nuova legge. Un norma che finalmente regolamenterà un settore che da tempo attende indicazioni chiare e rassicuranti.

Per una prima uscita ufficiale, UNASS punta al congresso nazionale  Forum Club/Piscine (Bologna 16-18 febbraio 2017), occasione in cui illustrerà le proprie linee guida e presenterà obiettivi e azioni avviate e di prossimo lancio per il bene di tutto il settore
Vi terremo costantemente aggiornati in merito ai futuri sviluppi di UNASS, espressione autentica di un fare squadra per migliorare il nostro sistema.



Powered by Blogger.
/

Contattaci

via Monte Generoso, 6/A , 20155 Milano
+39 345 6985730
Lun - Ven (9am - 6pm)

Modulo di contatto

Names

Email

Messaggio

© Infinity. All Rights Reserved